Il Pesce, il protagonista della cucina d’eccellenza.

Il Pesce riveste un ruolo importantissimo nella cucina italiana e non solo.

Essendo l’Italia circondata dal mare, non vi è regione che non ha fatto propria qualche ricetta a base di pesce.

Senza dimenticare il Pesce di fiume o di lago, che da vita a prelibate pietanze.

Il Pesce, oltre che molto gustoso, è un alimento nutrizionalmente completo: contiene infatti proteine, sali minerali come fosforo, calcio, iodio e ferro. Inoltre è ricco di vitamine e ha un basso contenuto di grassi.

Il Pesce grazie alle sue caratteristiche di gusto e leggerezza, unitamente alle sue proprietà organolettiche, rappresenta un elemento insostituibile per una dieta completa ed equilibrata.

Il Pesce – sarà fresco?-

La freschezza del pesce al momento dell’acquisto è un dubbio che assale la maggior parte di noi quando si reca al negozio. Ma ci sono alcune semplici regole per valutare la sua freschezza, prima fra tutte la rigidità: il pesce in posizione orizzontale deve mantenersi rigido. Segue l’odore: un pesce non fresco emana un odore forte, rancido o dolciastro, mentre un pesce fresco profuma di mare. A volte viene tenuto a mollo in acqua fresca per mascherare l’odore troppo forte, ma in questo caso il tono e la lucentezza della pelle diminuiscono. L’occhio: il pesce fresco presenta un occhio leggermente sporgente , trasparente e brillante. Poi inizia ad incavarsi ed a opacizzarsi. In tal caso non conviene acquistarlo. La consistenza:  le carni del pesce fresco devono essere sempre sode, alla pressione del nostro pollice non deve restare l’impronta. Unica eccezione il merluzzo, la cui carne risulta molto morbida anche se appena pescato. Le Branchie: devono essere di colore rosso acceso, il tono deve essere brillante, quando schiariscono o diventano marroncine, è sinonimo di pesce avariato.